Contenuto principale

On line la nostra libreria

È finalmente on line la nostra libreria. Da questo momento è possibile acquistare i nostri titoli direttamente dal sito, anche senza registrazione ma solo fornendo l'indirizzo per la spedizione, e pagare comodamente dal terminale.

Al momento non è dispoibile l'intero catalogo, ma solo i titoli ultimi pubblicati. A giorni saranno disponibili tutti i titoli ed anche gli spartiti.

Se qualcosa nella procedura d'acquisto non dovesse funzionare siete pregati di contattarci alla mail per provvedere.

"Scosse dentro l'anima" recensito da Antonino Cangemi

9788886911559

L'ultimo libro di Angela M. Mistretta, appena uscito nella collana Le agavi, ha registrato la prima recensione da parte di Antonino Cangemi sul sito http://www.siciliainformazioni.com.

Cangemi scrive che il romanzo fa rivivere ansie, apprensioni, emozioni di quei giorni dell’inverno e della primavera del ’68 a Menfi e nella valle del Belìce, quando la terra aveva tremato producendo un rovinoso terremoto.

La storia d’amore – tormentata e ricca di colpi di scena - di Paola, la figura principale, e di Vittorio s’intreccia con le vicende del terremoto ma non mancano, negli uomini e nelle donne di Scosse dentro l’anima, le comprensibili crisi e gli stravolgimenti esistenziali, ma in essi è presente, secondo Cangemi, – a dispetto di una “letteratura” incline a manifestare l’indole fatalista dei siciliani - la voglia di riscatto e la forza solidale.

Ecco il link dove potrete trovare l'intero articolo: http://www.siciliainformazioni.com/antonino-cangemi/252083/252083

Anche quest'anno al Salone del Libro

logo salone libro

Dal 14 al 18 maggio potete trovarci al Salone del Libro di Torino, ospiti dello stand dell'E.I.M. (Editori Indipendenti del Mediterraneo) insieme con gli altri soci della nuova associazione di categoria che raggruppa gli editori isolani. La nostra Casa Editrice sarà presente con il suo catalogo e proporrà al pubblico torinese alcuni appuntamenti con la propria produzione.

Il testamento di Vantò premiato a Custonaci

La scorsa estate, quando ancora era un testo inedito, il romanzo Il testamento di Vantò di Michele Barbera è stato premiato al Memorial Vito Ruggirello tenutosi a Custonaci, in provincia di Trapani.

La motivazione della giuria: CUSTONACI – Memorial Vito Ruggirello 2013

La Giuria, per la sezione B – Libri di narrativa e saggistica, dopo attento esame delle opere pervenute, ha decretato di attribuire il TERZO PREMIO al testo di Michele Barbera, col romanzo inedito "IL TESTAMENTO DI VANTÒ".

Leggi tutto...

"Il miracolo di Desolina" premiato a Custonaci

La scorsa estate, quando ancora era un testo inedito, il racconto Il miracolo di Desolina di Fabio Muccin, vincitore del Premio Letterario Nazionale "I. Russo" 2012 è stato premiato al Memorial Vito Ruggirello tenutosi a Custonaci, in provincia di Trapani.

La motivazione della giuria: CUSTONACI – Memorial Vito Ruggirello 2013

La Giuria, per la sezione B – Libri di narrativa e saggistica ha decretato di attribuire il PREMIO SPECIALE con mensione di merito al testo di Fabio Muccin il racconto "IL MIRACOLO DI DESOLINA".

Leggi tutto...

Presentazione del volume "Ovamurina"

Un folto pubblico ha fatto da cornice il 29 dicembre scorso alla presentazione del volume “Ovamurina” di Francesca Augello presso il salone della Multisala Badia Grande d Sciacca.

Presenti alla manifestazione l’amministrazione comunale con il sindaco Di Pola e l’assessore Monte, il saggista Ignazio Navarra e il presentatore del volume Giuseppe Di Giovanna, che hanno parlato del lavoro svolto con questo piccolo volume che mette un punto fermo sulla tradizione e sulla produzione del dolce tipico saccense.

L’editore, nonché curatore del volume, Gianmarco Aulino si è soffermato sull’importanza per Sciacca di avere una base documentale con cui iniziare il percorso della De.Co. da parte dell’amministrazione comunale che intende fare delle ovamurina il dolce tipico di Sciacca a cui attribuire il marchio della Denominazione Comunale. Alla serata ha partecipato anche il bar Baby Luna che ha offerto una degustazione della sua produzione.

Riuscita anche la partecipazione delle signore e delle famiglie di Sciacca che continuano la tradizione e conservano la ricetta, che hanno partecipato portando la propria produzione. Una prima commissione formata da Ignazio Navarra, Giuseppe Di Giovanna e Marina Marchica ha assaggiato i dolci delle famiglie saccensi che hanno partecipato, facendo il punto della situazione e censendo i partecipanti per un futuro e più ampio lavoro che contribuisca alla De.Co..

Leggi tutto...

Il piacere di leggere: “Un problema di lusso” di Sandro La Rosa

 

Dal blog Tempo libero di Michele Barbera riportiamo:

Ho letto il romanzo del giornalista e scrittore agrigentino Sandro La Rosa con il gusto che riservo alle occasioni speciali. Mi sono ritagliato un pomeriggio di questo freddo inverno ed ho assaporato ad una ad una le pagine de “Un problema di lusso”.

Il tono del romanzo è leggero, lo stile scorrevole, sciolto, con cadenze tipiche e proprie della “sicilianità”. Ho notato una certa raffinatezza nelle descrizioni che si riverbera nel tratteggio a tutto tondo dei personaggi che agiscono e non solo di quelli principali. La vicenda si snoda sui binari di un dialogo intergenerazionale che ha protagonisti forti e decisi, basti pensare alla sagace figura del principe Malabotta o della vispa professoressa Lo Tempio. Si intravede, fra le righe, una profondità prospettica della trama che un’ironia lieve vorrebbe nascondere.

Leggi tutto...

Nicola Genovese

Nicola Genovese nato a Barcellona Pozzo di Gotto (Me), da più di 50 anni vive a Roma. Sposato con due figli e nonno ha sempre avuto la passione per la poesia e la letteratura. Per esigenze di lavoro ha viaggiato molto in Europa e nel mondo mantenendo sempre un rapporto forte con la sua terra e con le sue tradizioni. Tra i vecchi ricordi d’infanzia ha trovato un quaderno dalla copertina nera. Vi erano trascritti ricordi, appunti, brani di poesie, descrizioni di personaggi legati alla sua infanzia e alla sua giovinezza. Da questi l’autore ha attinto per questo romanzo dove ricordi di cose vissute realmente e situazioni di fantasia si intrecciano.

Maria Vittoria Picone

Maria Vittoria Picone, laureata in Scienze Biologiche e abilitata alla professione di Biologo, è Tutor del Piano Insegnare Scienze Sperimentali (promosso dal MIUR nel 2006) e Formatrice UCIIM (Ente qualificato per la formazione del personale docente, ai sensi della Direttiva n.170 del 2016). Abilitata per la classe di concorso A059 (Scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali nella Scuola Secondaria di primo grado) e per la classe A060 (Scienze naturali, Chimica, Geografia e Microbiologia nella Scuola Secondaria di II grado), insegna matematica e scienze nella Scuola Primaria.

Impegnata in corsi di formazione sulla didattica delle scienze, si occupa di consulenza didattico-metodologica in ambito scientifico e di ricerca-azione tra pari. Ha svolto il ruolo di Supervisore di tirocinio e di conduttore dei laboratori di zoologia e botanica, pedagogia, docimologia, matematica presso il Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria dell’Università degli Studi di Palermo. Ha collaborato con l’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali) e con l’INDIRE per l’elaborazione di percorsi didattici rivolti ai Docenti Neoassunti.

Patrizia Galvano

Patrizia Galvano, laureata in Scienze Biologiche e abilitata alla professione di Biologo, è Tutor del Piano Insegnare Scienze Sperimentali (promosso dal MIUR nel 2006) e Formatrice UCIIM (Ente qualificato per la formazione del personale docente, ai sensi della Direttiva n.170 del 2016). Ha conseguito l’abilitazione all’insegnamento per la classe A059-Scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali nella scuola secondaria di primo grado ed insegna “Matematica e Scienze” nella Scuola Secondaria di primo grado, dove si occupa di supporto didattico tra pari.

Ha svolto il ruolo di docente di “Linguaggio logico-matematico” in corsi Polivalenti di sostegno F.O.R.C.O.M. e di Alimentazione in Corsi professionali di qualifica O.S.A. ed attività di tutoraggio, per l’indirizzo di Scienze Naturali della SISSIS di Palermo, per la classe di concorso 59/A presso la propria scuola. Ha collaborato con l’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali) e con l’INDIRE per l’elaborazione di percorsi didattici rivolti ai Docenti Neoassunti.

Christiano Cerasola

Christiano Cerasola, con un “h” fastidiosa e contro la quale combatte ancora, arriva dal nord. Figlio di hippy e viaggiatore incallito. Peregrinava e guardava. Soggiornava e scriveva durante quella tipica solitudine che hanno i viaggiatori solitari. 

All’attivo ha 3 romanzi (Ossigeno, Il musicista, Il gigantesco abbaglio), una raccolta di racconti (Uova sbattute) e una favola lunga (Il custode di Izu). 
Ma vuoi mettere…

Calogero Ciancimino

Calogero Ciancimino nacque a Sciacca il 14 marzo 1899, da Gaspare, farmacista, e da Anna Maria La Seta, appartenente a vecchia famiglia di commercianti.

Di carattere irrequieto, poco incline agli studi classici appena intrapresi, fu imbarcato per punizione, in qualità di mozzo, su di un brigantino a palo che salpava da Palermo per l’America del Sud. In questo primo viaggio, il veliero naufragò in vista delle coste della Guyana francese e lui potè salvarsi a stento, con una parte dell’equipaggio, dopo molte peripezie. Ritornò in patria (con un piroscafo francese che rischiò anch’esso di naufragare in una spaventosa tempesta nel golfo di Guascogna), e proseguì per poco gli studi classici; poi intraprese quelli nautici e si diplomò capitano di lungo corso a 20 anni. Da allora navigò su tutti i mari del globo e fu Comandante intrepido, buono ed energico; autoritario, ma anima di fanciullo.

In alcuni suoi romanzi si respira un po’ l’aria dei vasti oceani, che sembra abbia educato la gente di mare alle grandi imprese, alla superba tradizione di morire con la propria nave, a bandiera spiegata. Il primo romanzo, La Nave senza Nome, fu scritto nei primissimi anni di navigazione, ma è stato pubblicato molto tempo dopo, nel 1932; ebbe tale grande successo, per cui fu vivamente sollecitato da amici ed editori ad intraprendere la nuova carriera. Si stabilì a Milano e scrisse ininterrottamente altri 15 romanzi, in cui la sua sorprendente, meravigliosa fantasia, accoppiata ad una solida cultura scientifica, sbalordisce soprattutto per le sue strane profezie che in parte si avverarono.

La sua prematura morte, avvenuta a Milano il 14 gennaio 1936, troncò la sua feconda attività, durata appena quattro anni, e che ci avrebbe riservato chi sa quali meravigliose sorprese.

Navigatore, raccontò alcune sue esperienze in libri quali I sommergibili nella guerra mondiale (Milano, Le grandi avventure, 1935), Corazzate: le più grandi battaglie navali, 1914-1918 (Milano, Le Grandi Avventure, 1936), Incrociatori corsari (Milano, S.A.C.S.E., 1936), tutti firmati con il nome di Cap. Calogero Ciancimino. Come romanziere è ricordato tra i “salgariani” e come ghost writer del più celebre Luigi Motta.

Romanzi: Il prosciugamento del Mediterraneo, scritto con Luigi Motta (1931); La nave senza nome, scritto con Luigi Motta (1932); Il nemico di Buffalo Bill, scritto con Luigi Motta (1934); Il figlio di Buffalo Bill. Racconti e avventure delle praterie, (1934) scritto con Luigi Motta; Il mistero della sfinge gialla (1935); Le bare di granito (1935); Il corsaro dell’aria (1935); Come si fermò la Terra (1936).