Informativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di “terze parti”.

Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.

L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie.

Fabio Muccin

Fabio Muccin cresce a Casarsa della Delizia, in provincia di Pordenone, paese di Pier Paolo Pasolini. Dopo aver frequentato il Liceo classico, si laurea in Lettere antiche a indirizzo archeologico presso l’Università degli Studi di Padova, quindi si specializza alla Scuola SSIS nell’insegnamento di Lettere e Latino.

Ex giornalista (ha lavorato come corrispondente per le redazioni pordenonesi di due quotidiani locali), subito dopo il primo giorno in classe sceglie di abbandonare la scrittura professionale per la Scuola, alla quale ha dedicato – senza alcun rimpianto – già oltre un felice decennio della propria attività. Dopo aver frequentato il Liceo classico, si laurea in Lettere antiche a indirizzo archeologico presso l’Università degli Studi di Padova, quindi si specializza alla Scuola SSIS nell’insegnamento di Lettere e Latino.

Innamorato dei propri alunni tanto quanto dei libri che legge avidamente, con particolare riguardo alle opere di Garcia Marquez, Isabel Allende, Jorge Amado e Tahar Ben Jelloun, da una ventina d’anni scrive racconti e romanzi, per massima parte inediti, molti dei quali hanno ottenuto numerosi riconoscimenti letterari in brevissimo tempo.

Fra i tanti premi riportati, il secondo posto al concorso letterario nazionale epistolare “Vittoria Aganoor Pompilj”, al Premio “Carlo Ulcigrai” e al Premio “Donna”, nonché il Primo posto al premio letterario “Ignazio Russo”, “San Vitaliano”, “Caterina Martinelli”, al Concorso letterario e artistico “Racconta la solidarietà”, e al Premio Internazionale “Antonio Proviero”.