Informativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di “terze parti”.

Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.

L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie.

Vincenzo Licata

Vincenzo Licata, poeta dialettale siciliano, nasce a Sciacca, città lambita dal Mediterraneo, e proprio il mare e la vita dei pescatori saccensi sono per il poeta il motivo ispiratore della sua lirica. Forti sono le immagini che i suoi versi evocano nella mente del lettore, come forti sono i suoi versi che celebrano la Madonna del Soccorso, protettrice della città di Sciacca. Diversi personaggi, realmente esistiti trovano la loro giusta collocazione nel fantasmagorico banchetto o Schiticchiu, esempio di convivialità tipica del luogo in cui si compongono l'ronia e la spensieratezza. Autore anche di testi teatrali tra i quali si ricorda Don Turi e Ganu di Magonza rappresentata in diverse piazze dell'isola, che riprende e continua la tradizione dell'Opera dei Pupi siciliana.