Informativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di “terze parti”.

Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.

L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie.

La giuria

Ecco chi sono i componenti della Giuria del Premio Letterario Nazionale Ignazio Russo 2012. Per questa prima edizione sono tre i componenti: Mario Gaziano, Lorenzo Rosso e Gianmarco Aulino.

 

Lorenzo Rosso (Torino 1955). Suoi racconti sono pubblicati su quotidiani e riviste e inseriti in diverse raccolte. Ha pubblicato una decina di instant book tra cui, per “Editori Riuniti”, “Governare la Sicilia”. Ha dato alle stampe una lunga conversazione con lo scrittore Andrea Camilleri tradotta da Moshe Kahn e pubblicata con il titolo “Cafè Vigata – Camilleri im gesprach” dalle Edition Lubbe (Verlagsgruppe Lubbe) in Germania nel 2008. Nelle scorse settimane è uscito in libreria “Una birra al Caffè Vigàta” edito da Imprimatur (Rcs Libri). Ha pubblicato tra gli altri, “Suor Margherita”, plaquette con disegni originali di Silvio Benedetto; “Omaggio a Leonardo Sciascia” testo curato con l’editore Giulio Einaudi e le antologie realizzate in collaborazione con vari autori italiani “Grand Hotel des Bains” (1997)  e “La sedia” (1999). Giornalista e narratore, dopo aver studiato a Stresa, sul Lago Maggiore e aver soggiornato negli Stati Uniti, tra la Florida e i Caraibi, ha deciso di vivere in Sicilia.

Gianmarco Aulino (Milano 1964). Da giornalista, lavora da trenta anni nelle testate locali, prima collaborando al Notiziario di TRS, poi fondando un mensile locale, "Cartabianca". Da questa esperienza nasce la casa editrice e negli anni '90 il settimanale "Controvoce" che oggi ha anche un sito on line. Da editore da anni pubblica diversi volumi sia incentrati sulla storia locale che di narrativa italiana.