Informativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di “terze parti”.

Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.

L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie.

9788886911580Betty Scaglione Cimò

La casa nel cuore

romanzo

2016, 16°, cm. 14x20, 168 pp., cop. col., € 13,00

collana narrAzioni

ISBN 978-88-86911-58-0

Il profumo della memoria. Una storia di luoghi, di sentimenti, di paesaggi dell’anima s’addipana in questa storia, che sa del particolare vissuto e, insieme, di uno sguardo sul passato di ciascuno. “Il cancello era stato ridipinto da poco, il viale era sempre lo stesso, qualche buchetto qua e là che lo scorrere lento dell’acqua piovana aveva reso ancor più profondo.”

La narrazione autodiegetica conferisce immediatezza espressiva e realismo al racconto, elementi, questi, coniugati ad una piacevole leggerezza dello stile e resi tanto più efficaci dal ricorrere, inframmezzato in più luoghi, di espressioni dialettali che rendono il senso di una umanità condivisa all’interno di un mondo che sembra, ma si tratta di un’illusoria impressione, ancora immune dall’urgere della modernità (sono questi, per esempio, i capitoli dedicati alla rievocazione del terremoto del ‘68, rivissuto secondo la prospettiva di una catastrofe insieme fisica, culturale e antropologica). È la chiara dimostrazione di come la Storia non solo percorra le grandi arterie degli eventi politici e militari, ma riveli il proprio senso, le proprie verità, ed il proprio fascino, anche nel declinarsi, quotidiano, del vissuto personale dell’uomo.

“L’uomo, misura della storia, sua unica misura. Più ancora, la sua ragione di essere.” (Lucien Febvre).

Gaspare Fasullo